Inizio pagina - Home - Contattaci - Menu - Contenuto Pagina - Menu di Servizio

Associazione Pro Loco Faedis
 
contenuto pagina
Tu sês in: Pro Loco Faedis / Ce ufrissial il Teritori / Lis Glesiis di Faedis

LIS GLESIIS DI FAEDIS

SANTE MARIE ASSUNTE IN FAEDIS

Chiesa Santa Maria Assunta di FaedisLa glesie di Sante Marie Assunte e vignì sù tal lûc che probabilmentri in antîc al jere il principâl centri dal cult de int che e abitave tal dulintor di chescj lûcs.

I lavôrs di ristruturazion, che vie vie a son stâts davuelts tal cors dai agns, a àn disvelât la presince ancje di une struture, une vore probabil, di un templut roman (parcè che li a son stadis cjatadis une grum di monedis romanis), testemoneance che di in chê epoche il lûc, li che vuê si cjate la glesie, al jere dedicât al cult.

L’edifici di cumò al fo consacrât tal 1934, dopo vincj agns di lavôr, sù par jù. Chest al fo costruît suntun implant dal Tresinte de precedente glesie.
Tai sgjâfs pai lavôrs di restaur a forin vignûts fûr i rescj di une glesie, propit tal centri di chê di cumò, apartignint al V-VII secul. Une sole navade cuntun larc presbiteri e capelis laterâls, la glesie e à un senografic altâr baroc e un pôcs di cuadris e afrescs dal XVI secul.

Te opare di ricostruzion dal principi dal secul a vignirin doprâts ben 918 cuintâi di marmul che a vignivin de Basiliche di Sant Pieri in Rome, donâts dal Vatican. Un jutori impuartant, pe costruzion di cheste glesie, al vignì di Mons. Luigi Pelizzo, origjinari di Faedis, che al fo une figure di prin plan tal cercin gleseastic talian tal principi dal secul.

La dedicazion a Sante Marie Assunte e je documentade fintremai de antighitât e considerant che in plui de glesie parochiâl a son altris dôs glesiis dedicadis a Marie (Çuc e Cuelvilan), si pues dedusi che fin dai timps lontanons la int di chescj lûcs e fo une vore devote a la Beade Vergjine.

SANT MICHÊL IN CJAMPEI

Studiant la evoluzion dal cult di Sant Michêl in Friûl si pues suponi che l’origjin di cheste glesie e sei di atribuî al periodi de dominazion langobarde, par vie che chest popul al jere une vore devot a Sant Michêl. Ma dome cuant che il Cjistiel di Sofumberc al deventà permanence estive dai patriarcjis di Aquilee (1240) si verin notiziis ciertis su la presince di cheste glesie.

Dal 1976 il taramot le danegjà une vore e dome di cualchi an incà e je tornade a davuelzi ad implen lis sôs funzions. Di particolâr interès al è il mosaic che al figure Sant Michêl logât te abside, un presint de Associazion de Polizie di Stât dal Friûl Vignesie Julie, opare dal pitôr Poz e dai mosaiciscj di Spilimberc.

SANT PIERI DAI SCLÂFS IN FAEDIS

La costruzion si davuelzè tai ultins agns dal XIII secul e dopo e vignì rifate in part tal XV secul. La biele façade e je di chê epoche. La particolâr forme dal edifici e lis carateristichis stilistichis a stan a significâ che la glesie e pues jessi inseride tra lis costruzions realizadis dai artiscj slâfs de scuele di Skofja Loka, in particolâr tal zîr di Andrea Lack. L’altâr interni di len, di fate rinassimentâl, e je opare dal artist Giovanni Martini (1522) de innomenade scuele dai tumiezins, in dì di vuê al è logât intune des capelis de glesie parochiâl di Sante Marie Assunte.

La glesie e je clamade “dai Sclâfs” par vie che e fo tirade sù intor al 1300 dai abitants dai paîs des monts di Faedis, che a jerin di origjin slave, par chest e fo clamade cussì.

La gleseute e je situade tal interni dal Borc di Sant Pieri su la strade che e puarte al Cjanâl di Grivò.

SANTE MARIE IN CUELVILAN IN FAEDIS

Chiesa Santa Maria di CollevillanoSeont la tradizion locâl la costruzion e varès di jessi dal X secul, ma i prins documents che a testemonein la sô esistence a son dai prins agns dal ‘300. La costruzion di cumò al somee che e sei opare de confraternite di Sante Marie, fondade tal 1595, li che la glesie e jere stade afidade.

Tal cors di chescj ultins Cincuante agns, la glesie e je stade vitime di numerosis robariis, il furniment interni al è stât scuasit dal dut puartât vie e di impuartant al è restâts dome cualchi afresc cu lis figuris di “Profetis” atribuîts a Gaspare Negro (1530).

MADONNA DI ZUCCO IN CASTELLO

Santa Maria in Zucco FaedisCheste glesie e ven fûr de antighe capele cjistielane che, seont cualchi studiôs, e jere dedicade a Sant Zorç. L’edifici di cumò al è di dimensions plui grandis. Al è stât fat sù tal XVI secul e al à vût une vore di danegjaments tal XVII secul.

Tal interni al conserve un afresc che al figure la “Vergjine che e da di lat al Bambinut”, incalmât tal altâr di len e che al è dal XV secul, opare di un mestri discognossût.Tai ultins agns la glesie e je stade restaurade graciis a la opare dal grup A.N.A. di Faedis.

SANT ROC - FAEDIS

Chiesa San Rocco di FaedisSi cjate suntun cuel a un centenâr di metris in linie d’aiar de glesie parochiâl. In origjin, dedicade a Sant Zorç, la glesie e viôt la sô costruzion probabilmentri tal periodi li che a vignirin sù i cjistiei. E fo slargjade e restaurade tai prins agns dal Tresinte e tai agns di daûr e fo mete di personis che si dedicavin a la vite contemplative. Tal XVI secul e deventà la sede de confraternite di Sant Roc.

Tal interni si cjate l’altâr di len, probabilmentri dal 1500, componût di un tritic figurant al centri Sant Roc; di une bande al è Sant Zorç e di chê altre al è Sant Sebastian; la opare e je forsit di Giacomo Secante (1543-1585) o di Secante Secanti (1571-1636).

Di resint, dilunc dai lavôrs di restaur, a son vignûts in lûs dai impuartants afrescs dal 1300-1400 de scuele di Vidâl di Bologne, che al operà in Friûl in chel periodi.
Al è un cicli di afrescs dedicâts a Sant Zorç, li che si conte la sô vite, lis sôs impresis e la sô muart. Une scuvierte sensazionâl che e fâs deventà impuartant il patrimoni artistic dal teritori di Faedis.

SANTE MARIE MADALENE IN GRADISCJUTE

L’edifici al è de prime metât dal XIV secul. Al è logât pôc sore dal borc di Gradiscjute che al significhe “lûc fortificât” e di fat te zone de gleseute chescj segns no mancjin. Al è logjic duncje suponi che e sedi stade costruide par ricuardâ un fuartin distrut. Al contrari al sarès dificil spiegâ parcè che e sei stade tirade sù intun lûc cussì discomut, che ancje in dì di vuê si rive fin là sù dome a traviers di un troi.

Fin al 1500 la capele e ve une vite floride: e jere dispès mete di pelegrinaçs di popolazions dai paîs dongje. Tal interni al è un afresc, pitost ruvinât, a doi strâts un sore di chel altri e di chescj il plui resint al podarès jessi dal ‘300, forsit de scuele di Vidâl di Bologne.

SANTE ELINE - CUESTEPLANE

Chiesa di San'ElenaLa glesie e vignì edificade tal 1470-’72 dai abitants dal vicinât, cul jutori di Pedrose e di Cuestelungje. E fo consacrade ai 23 di Mai dal 1473. L’edifici al è logât suntune alture tes vicinancis di une crosere tra la strade par Cjaneule e chê par Cuesteplane.

La glesie, dute di piere, cuntun larc puarti sul devant, e je in stîl gotic e a la bielece esterne e corispuint a chê interne. La abside, a cuestis ben formadis, e je in stîl gotic arût. L’altâr di len dal XVII secul al è in stîl baroc. Sante Eline, ancjemò vuê, e conserve une vore ben la sô struture origjinarie.

SANT MARTIN IN RASCJÀ

La origjin di cheste gleseute, cun ogni probabilitât, si pues atestâle tal periodi de ocupazion langobarde, cuant che il cult par Sant Martin al jere une vore pandût. Si pense che la sô fondazion e sedi stade tal ‘200, ma i prins documents, che a atestin la sô presince, a son dal 1328.

Tal interni al è un altâr dal ‘700 di marmul cun statuis, ma la atenzion e ven indreçade a la pale dal altâr, picjade su la parêt di çampe (cumò in vie di restaurazion). Cheste, datade dal 1748, e ven atribuide al pitôr cjargnel Nicolò Grassi e e figure Sant Martin a cjaval che al fâs la caritât; ai siei pîts Sante Aghite, Sant Nicolò e Sante Apolonie. La gleseute e conserve ancje une palute dal Cinccent che e figure Sante Luzie.

SANT ROC IN CJANÂL DI SOFUMBERC

Chiesa San Rocco di SoffumbergoLa storie de gleseute di Sant Roc e je colegade a chê dal cjistiel di Sofumberc. Di fat, tal periodi postotonian e jere la usance di edificâ une glesie tal interni dal cjistiel pes esigjencis spirituâls dai Siôrs e dai sotans.

In origjin la gleseute e jere intitulade a Sant Zuan l’evangjelist, forsit e fo fate sù tra il XII e il XIII secul. La costruzion di cumò, invezit, e podarès jessi indicade intor a la metât dal ‘400. La intitulazion a Sant Roc e je vignude, probabilmentri, tra il XVI e il XVII secul.

L’edifici costruît di piere al presente une aule retangolâr e une abside cuadrade cul sofit a crosere.

SANTS ZUAN E PAULI IN COLORÊT DI SOFUMBERC

L’edifici al vignì tirât sù, intor al 1420, periodi li che i capelans no fasevin plui i rîts te glesie dal cjistiel di Sofumberc, distant cualchi centenâr di metris in linie d’aiar. Scrutinant la costruzion si capìs che tal cors dai secui e je stade ogjet di une vore di restaurazions, di fat si cjatin carateristichis di costruzions dal Cinccent e ancje dal Sietcent. La aule de glesie e je retangolâr cun capriadis a viste.

L’altâr al è di len, dal ‘700, cun dôs puartis laterâls di forme ondulade e a son figurâts i sants Vincenç Ferreri a diestre e Valantin a çampe. Te nicje al puest de pale (la tele e figure la Vergjine cul Bambinut che al aparìs a doi sants: Josef e Antoni di Padue cun dute probabilitât dal XVIII secul), metude in sagristie in spiete di une decorose sistemazion, si cjate une statue de Vergjine cul Bambinut.

SANT PIERI IN VAL

San Pietro in Valle di SoffumbergoLa origjin di chest edifici di cult e ven indicade dal XVII secul, cuant che i abitants di Val a domandarin di fâ sù une gnove glesie, cun comoditât, jessint chê di Sant Laurinç (cumò disparide, e jere logade su la mont midiesime a pocje distance di Val) une vore discomude par rivâ fintremai là sù.

La capele di Val e vignì benedide ai 30 di Lui dal 1756 dopo tancj agns di spiete e di lavôrs. Di resint e je stade restaurade e graciis a chest intervent a son stadis gjavadis vie lis spacaduris causionadis dal taramot dal 1976.

SANTE MARIE DES GRACIIS IN CJANÂL DI GRIVÒ

Santa Maria delle Grazie in Canal di GrivòLa glesie di Sante Eline e fo par cuatri secui chê di Cjanâl di Grivò. E jere une glesie discomude e cu la espansion dal paîs no bastave plui a contignî dute la int, tant al è vêr che al fo stât un câl te partecipazion a lis funzions e al catechisim.

Par rimedeâ a cheste situazion, a la fin dal 1800, si fasè sù prime une grande canoniche e tai agns di daûr la glesie e il cjampanili, cussì ancje Cjanâl di Grivò al ve finalmentri un lûc di cult e des struturis pal studi e pal catechisim. La opare di costruzion e je stade pussibil realizâle graciis ai sacrificis de popolazion di Cjanâl di Grivò e al impegn di don Quargnassi.

SANTE MARGARITE REGJINE IN CUESTELUNGJE

La struture di cumò e fo tirade sù tal 1905 suntun implant origjinari che si atestarès tal XVI secul. La gleseute, in stât di bandon par tancj agns, in dì di vuê e je in fase di restaurazion.

SANT LAURINÇ IN RONCJIS

La glesie di Roncjis e à origjin tal 1374, cuant che e fo tirade sù dai Conts Freschi cui abitants dal lûc. Si à però di tignî cont che prime de costruzion de glesie e jere za presinte une capele in Roncjis, dal moment che dal Catapan de parochie si cjatin dai lassits a la "Ecclesiae S. Laurentii de Ronchis".

SANT ZUANBATISTE IN CJANEULE

San Giovanni Battista in CanebolaLis primis notiziis su la esistence di cheste glesie a son tal 1453. La sô storie e je stade une vore tormentade. A son notiziis che a forin davueltis dôs demolizions e dôs ricostruzions tal 1737, li che e fo ancje ingrandide tal 1871. Daspò dal taramot dal 1976 e fo regolade a cause dai grancj dams che e à vût.