Inizio pagina - Home - Contattaci - Menu - Contenuto Pagina - Menu di Servizio

Associazione Pro Loco Faedis
 
contenuto pagina
Tu sês in: Pro Loco Faedis / La Storie di Faedis

LA STORIE DI FAEDIS

Faedis, da "fagetum" ven a stâi bosc di faiârs, al fâs la sô jentrade te storie pôc dopo dal an 1000 cuant che il patriarcje di Aquilee Popon al da il permès a Odorì di Auspergh, un nobil carinzian, di tirâ sù un cjistiel su la mont "Cuc", di chest al ven fûr il non Cucagne, che al identificarà i nobii di Faedis.

Ingresso della Grotta "Ciondar des Paganis"La presince umane te zone, invezit, si pues atestâ intor dal an 2000 p.d.C., date che si riferissin ai reperts cjatâts te Grote "Çondar des Paganis" tal confin tra i comuns di Faedis e di Atimis. Siguris a son lis olmis dal passaç dai romans (monedis e altris rescj), cu la presince cuasi cierte di une vile di un colon ae base di une culinute di Colvillano e di un templut votîf li che e je logade cumò la Glesie di Sante Marie Assunte a Faedis.

Dal 1000 incà la storie di Faedis e je stade une vore caraterizade de presince de famee nobile dai Cucagne, di li che a vegnin fûr daspò i Zucco, i Partistagno e i Freschi che, cu la costruzion dai cjistiei e des vilis, a àn in pratiche dominât su chescj teritoris fintremai a la vignude di Napoleon e dai Austriacs. La popolazion di Faedis, sot dal domini di cheste famee, e passà dispès moments bruts, sei pal grant sfrutament de bande dai nobii stes sei a cause di sieltis politichis e di schiriaments dai Cucagne, che le esponevin a continuis svalisaments e devastazions de bande dai esercits dai nobii nemîs.

Lo stemma della famiglia Cucagna sulla facciata della chiesa di FaedisI nobii Cucagne par cirî di no pierdi la poie de popolazion, a liberarin ogni tant cualchidun dai servidôrs, ma l’at plui impuartant viers de popolazion si ve ai 25 di Mai dal 1326 cuant che al vignì dât fûr il "Statût de Vile di Faedis", li che a forin scritis lis leçs che a regolavin la vite de Vicinie.

La vite pe popolazion di Faedis no cambià plui di tant cu la vignude di Vignesie, che tal 1420 e concuistà il Friûl. La Serenissime e deve une vore di impuartance al Friûl sei dal pont di viste militâr sei agricul e par chest e veve dibisugne de poie dai nobii furlans. In cheste otiche si spieghe il parcè che e lassà cuasi dal dut fer come i privileçs e il podê de classe dominant.

Cu la vignude dai francês, tal 1797, e vignì une svolte te realtât politiche, sociâl e te mentalitât popolâr de int furlane. Magari cussì no la sucessive concuiste dal Friûl de bande dai austriacs, (a flanc la cjartine fate dai austriacs tra la fin dal 1700 e il principi dal 1800) che a ocuparin la regjon dal 1813 al 1866, si fermà il disvilup des ideis di libertât, che dome intor al 1848 a tornarin a cjapâ pît e a pandisi, permetint daspò di mandâ fûr i austriacs e il sucessîf passaç sot de Italie. Don Antonio Leonarduzzi, plevan di in chê volte di Faedis, al jere une vore considerât pal so savê e par jessi un pont di riferiment fondamentâl pe culture; predi di ispirazion liberâl, al rivà adore a insedâ dai valôrs a la int de sô parochie; al fasè disvilupà un dai centris di maiôr ferment tal periodi che al precêt la anession dal Friûl al Ream d’Italie.

Campagne di Faedis - inizio 900Chest dât al ven confermât cuant che ai 21 e ai 22 di Otubar dal 1866, in ocasion dal plebissît par ratificâ la anession al Ream de Italie, a Faedis si regjistrin dome vôts favorevui (in Provincie di Udin a forin 105.386 vôts favorevui, 36 contraris e 15 invalits). Ai 29 di Dicembar cun decret reâl al vignì nomenât il prin sindic di Faedis, Giuseppe Armellini.

D’in chê volte incà si vierzè un periodi di stabilitât che al permetè l’inizi dal svilup di cheste zone. In chescj agns Faedis al contave scuasi 5.000 abitants e al jere considerât une des zonis di maiôr produzion di vin de provincie di Udin. Graciis al discret disvilup agricul, Faedis al rivà adore a fermâ in part il fenomen de emigrazion che al caraterizà lis tieris furlanis fintremai a la seconde metât dal 1900.

La storie dai ultins 100 agns di Faedis e je stade caraterizade principalmentri de prime e de seconde vuere mondiâl e de resistence furlane cu la partecipazion des Brigadis Garibaldi e des Brigadis Osôf, che tal Istât dal 1944 a costituirin la Zone Libare dal Friûl Orientâl, che e comprendeve i comuns di Atimis, Nimis, Faedis, Lusevare, Taipane e Torean. Tâl esperience e cessarà a la fin di Setembar cuntun fuart atac ofensîf dal esercit todesc, che al concuistà i teritoris pierdûts pôcs mês prime e si svindicà brusant lis cjasis, depuartant e maçant une vore di personis. Propit in chescj teritoris, cualchi mês dopo, precisementri ai 7 di Fevrâr dal 1945, al acjadè un fat mostri, che al segnà il moment plui disastrôs che si davuelzè in chestis tieris: il slambrament tra vueris partigjanis cul ecidi des malghis di Porçûs e che ancjemò in dì di vuê al è un fat che al anime i dibatits.

Faedis - anni 50 del 1900Dopo de vuere, lis tapis de rinassite a passarin pes primis elezions libaris: la sielte tra Republiche o Monarchie (Republiche vôts 1534; Monarchie 973; schedis blancjis 208; invalidis 40), lis elezions pe costituent e pe aministrazion comunâl a determinarin la vitorie de Democrazie Cristiane. Il prin sindic, vignût fûr da lis libaris elezions, al fo Giuseppe Pelizzo che, insiemit a la sô aministrazion e a la int di Faedis, al scugnì e al frontà i problemis de ricostruzion e de rinassite sociâl e economiche de comunitât di Faedis che e fo stade une vore strussiade dilunc de vuere.

Tai agns sucessîfs l’inviament economic al fo lent e progressîf e nol de la pussibilitât a ducj di vê une vite dignitose, costrenzint une vore di lôr a cjapâ la strade de emigrazion. Tra il 1945 e il 1959 a forin 1.700 lis personis che a lassarin il comun di Faedis par cirî une miôr fortune.

Magari cussì no, come pe gran part dal Friûl, ancje Faedis (comun disastrât), al fo colpît in maniere pesante dal taramot dal 1976, par fortune che a son stâts dome dams materiâi. L’impegn e la dedizion pandûts te opare di ricostruzion, a àn favorît la riprese economiche, garantint une ricjece gjeneralizade, mai viodude prime in chestis tieris e in fin a àn permetût al comun di Faedis di jessi decorât di Medaie di aur al Merit Civîl.